Robot, singolarità e umani obsoleti

Quello che scrive Mauro è VERISSIMO.

Noi non ci rendiamo conto di dove sta andando* l’automazione, sia a livello cinetico (col progresso di materiali, batterie, inverter, controlli e attuatori) che a livello computazionale.

Vedere, ad esempio: Toyota’s Violin-Playing Robot at Shanghai Expo

Per adesso forse fa un po’ ridere, ma anche altre volte ha riso bene chi ha riso ultimo.

Ormai sembra appurato che sarà quasi impossibile ricreare l’intelligenza umana tramite un computer tradizionale; questo ha illusoriamente tranquillizzato molti. In realtà l’intelligenza artificiale soft (ossia quella che si accontenta di realizzare dei risultati, non di ricreare una coscienza) probabilmente potrà sostituire quasi tutto quello che facciamo e magari andare molto più in là.

Io non sono “singolaritariano” (http://it.wikipedia.org/wiki/Singolaritanismo), però temo che a breve vedremo una fuga in avanti delle applicazioni di intelligenza artificiale.

Stuart Staniford sta scrivendo molto e bene sull’argomento, e invito tutti a leggerlo: http://earlywarn.blogspot.com/search/label/singularity.

———–

* Ho scritto andando e non arrivando perché l’arrivare presupporrebbe che prima o poi ci si ferma, e io non sono sicuro che ci si fermi, per lo meno a breve.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in tecnologia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...