Parcheggi interrati e post-picco

Un amico su Facebook (in un gruppo chiuso) ha scritto questa osservazione a proposito del progetto di parcheggio interrato al piazzale Meridiana di Carpi

…tutte le città ‘evolute’ hanno il parcheggio sotterraneo a pagamento: toglie le macchine dalla strada, ridona decoro al centro storico, riaccende labitudine al ‘passeggio’ in centro e nel lungo termine si paga da solo [corsivo mio]

È un’osservazione del tutto pertinente e saggia. Se non fosse che è resa obsoleta dal quadro globale.
Non tutti gli esempi, anche fra quelli ottimi, sono applicabili ovunque; in particolare, non tutte le esperienze passate sono proiettabili nel futuro.
Ad esempio, chi ha comprato una casa nel 1995 l’ha vista aumentare parecchio di valore nei 10 anni successivi. Ma che dire di chi l’ha comprata nel 2010?
Quante auto si son vendute nel 2007? Quante nel 2011? Ma soprattutto, quante ce ne saranno in giro fra 2, 5, 10 anni?
Queste domande bisogna porsele.
E i dati per fare delle valutazioni (non assolute, ma comunque più probabili che non delle lineari estrapolazioni dal passato) ci sono.
Si veda, ad esempio, questo articolo:
http://aspoitalia.blogspot.com/2012/01/nature-e-il-picco-del-petrolio.html

Signori, il mondo sta per cambiare per sempre…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in energia, trasporti e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Parcheggi interrati e post-picco

  1. Pingback: Istigazione al turpiloquio (siete avvisati) | Nodi e chiodi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...